ENERGIA: SABELLA, ‘SVANITO SOGNO PADRI FONDATORI, UE IMMOBILE NON HA FUTURO’ =

ENERGIA: SABELLA, ‘SVANITO SOGNO PADRI FONDATORI, UE IMMOBILE NON HA FUTURO’ =

Roma, 30 set. (Adnkronos) – “Il sogno dei Padri fondatori di creare una Europa unita dove una sola voce parlasse e facesse gli interessi di tutti svanisce giorno dopo giorno. La guerra in Ucraina e il ricatto russo sull’energia ha messo a nudo le divisioni e la strategia politica dell’Ue nel risolvere le questioni. Italia Moderata è per gli Stati Uniti d’Europa ma se rimaniamo alleati e concorrenti, per le ingordigie e le presunzioni di alcuni Stati, senza mettere un freno sul prezzo dell’energia, che senso ha trattare sulla la Borsa di Amsterdam il prezzo del gas ‘senza avere una politica comune’ se non quella di fare il gioco di Putin e contestualmente ingrassare alcuni voraci speculatori, impoverendo le nostre famiglie e le nostre imprese. Questo gioco perverso di incomprensioni non è da Statisti ma masochisti che rasentano la pochezza dell’improvvisazione. Questa Europa così com’è immobile nel non risolvere le emergenze attuali non avrà un futuro”. E’ quanto ha dichiarato Antonio SABELLA, segretario di Italia Moderata. “Muovendosi in ordine spasso gli Stati membri hanno attuato a livello soggettivo aiuti per le loro imprese e famiglie, ‘vedi caso Germania ecc.’. In Italia viceversa da alcuni giorni si parla di aumenti spropositati dei prezzi dell’energia a ottobre ‘anche su quelli a tutela’ che vanno sicuramente a danneggiare imprese e famiglie. Ci chiediamo visto che gli speculatori sono soprattutto in casa nostra perché il Governo in questa fase particolare di insofferenza del Paese e di emergenza, non nazionalizza per far decollare l’economia e dare respiro alle famiglie, Eni, Enel e imprese di energia collegate?”, ha concluso.

(pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 30-SET-22 14:58 NNNN

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘PATRIARCA KIRILL FERMI GUERRA FRATRICIDA, NON SIA COMPLICE PUTIN’ =

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘PATRIARCA KIRILL FERMI GUERRA FRATRICIDA, NON SIA COMPLICE PUTIN’ =

Roma, 4 apr. (Adnkronos) – “Patriarca Kirill ci siamo chiesti se Ella rappresenta veramente Dio in terra oppure un soggetto non ultraterreno che si chiama Putin, si guardi intorno per caso è la Federazione Russa che viene invasa? Sente i missili che piombano sulla città di Mosca? È l’Ucraina che da circa quaranta giorni subisce da parte dei suoi concittadini russi l’invasione con carri armati, bombardamenti con aerei missili ecc. gli eccidi sui civili sono all’ordine del giorno, come quello di cittadini inermi a Bucha. Quindi quale Dio rappresenta Patriarca Kirill, quello nostro cristiano, oppure… Se ha ancora un minimo di dignità e rispetto verso il genere umano e soprattutto ama il nostro Creatore usi la sua autorità e faccia smettere questa guerra fratricida, non si renda complice di Putin che vuole lo scontro con l’occidente e la guerra nucleare. Italia Moderata è convinta che Ella è stato male informata e per questo le si chiede di intervenire tempestivamente, per fermare questa guerra dove non c’è onore per i soldati russi ma vergogna”. È quanto ha dichiarato Antonio Sabella Segretario politico di Italia Moderata

(pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 04-APR-22 14:35 NNNN

UCRAINA. SABELLA (ITALIA MODERATA): PUTIN CRIMINALE, RUSSI LO FERMINO

UCRAINA. SABELLA (ITALIA MODERATA): PUTIN CRIMINALE, RUSSI LO FERMINO

(DIRE) Roma, 22 mar. – “L’occidente non può più permettersi che
piccoli o grandi dittatori, per la loro sete di potere, possano
imporre al mondo libero, con la minaccia di una guerra nucleare,
di prendere tutto ciò che vogliono. Putin si comporta da
criminale, va bloccato, senza se e senza ma. Italia Moderata fa
appello ai cittadini della Federazione Russa di fermarlo prima
che sia troppo tardi”. Così Antonio Sabella, segretario politico
di Italia Moderata. “A questo parvenu l’occidente ha permesso
ciecamente, per il suo quieto vivere, le invasioni in Georgia,
Ossezia, Crimea e le destabilizzazioni in Donbass: un lusso che
adesso l’Unione Europea in Ucraina non può più sconsideratamente
accettare”.
Per Sabella “il presidente della Federazione Russa, da
mendace, si comporta come un dittatore dei tempi passati:
rassicura da una parte i vari leader occidentali e
contestualmente, da infido, porta avanti l’invasione
dell’Ucraina. L’Unione Europea e i nostri alleati hanno cercato
di fermare questo genocidio, con la diplomazia e le sanzioni: il
risultato è sotto gli occhi di tutti, il massacro e le
devastazioni continuano. A questo punto ci si chiede: perché i
vari leader occidentali perdono ancora tempo con Putin e Lavrov
avendo accertato di fatto che parlano con mentitori seriali?
Questi utilizzano miserevoli scuse dei tempi passati dell’Unione
Sovietica per un fantomatico diritto di possesso di alcuni Stati
limitrofi ‘sovrani’. Come ha detto Ratzinger, ‘la menzogna ha
sempre bisogno di essere mescolata con alcune verità per poter
ingannare'”.
(Anb/ Dire)

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘OCCIDENTE FERMI PUTIN PRIMA CHE SIA TARDI’ =

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘OCCIDENTE FERMI PUTIN PRIMA CHE SIA TARDI’ =

Roma, 22 mar. (Adnkronos) – “L’occidente non può più permettersi, che piccoli o grandi dittatori per la loro sete di potere, possano imporre al mondo libero con la minaccia di una guerra nucleare, di prendere tutto ciò che vogliono. Putin si comporta da criminale, va bloccato, senza se e senza ma, Italia moderata fa appello ai cittadini della Federazione Russa di fermarlo prima che sia troppo tardi, questo parvenu, di cui l’occidente ha permesso ciecamente, per il suo quieto vivere, le invasioni in Georgia, Ossezia, Crimea e le destabilizzazioni in Donbass ecc., un lusso di cui adesso l’Unione Europea, ”in Ucraina” non può più sconsideratamente accettare. Il presidente della Federazione Russa da mendace si comporta come un dittatore dei tempi passati rassicura da una parte i vari leader occidentali e contestualmente da infido, porta avanti l’invasione dell’Ucraina”. È quanto ha dichiarato Antonio Sabella Segretario politico di Italia moderata. “L’Unione Europea e i nostri alleati, hanno cercato di porre fine per fermare questo genocidio, con la diplomazia e le sanzioni, il risultato è sotto gli occhi di tutti, il massacro e le devastazioni continuano. A questo punto ci si chiede perché i vari leader occidentali perdono ancora tempo con Putin e Lavrov avendo accertato di fatto che parlano con mentitori seriali? Questi utilizzano miserevoli scuse dei tempi passati dell’Unione Sovietica, per un fantomatico diritto di possesso di alcuni Stati limitrofi ”sovrani”. La menzogna ha sempre bisogno di essere mescolata con alcune verità per poter ingannare ”Ratzinger””, ha concluso

(pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 22-MAR-22 13:28 NNNN

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘UE E NATO INGENUI, LASCIATI A PUTIN TEMPO E SPAZIO MANOVRA’

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘UE E NATO INGENUI, LASCIATI A PUTIN TEMPO E SPAZIO MANOVRA’

Roma, 24 feb. (Adnkronos) – “L’Unione Europea e la Nato hanno peccato di ingenuità lasciando al presidente Russo tutto il tempo e lo spazio di manovra per invadere l’Ucraina. Nel momento in cui Putin ha riconosciuto le due repubbliche del Donbass, venendo meno all’accordo del febbraio 2015, ci siamo chiesti perché la Nato non ha immediatamente dato lo status all’Ucraina di alleato, Putin ci avrebbe pensato più di una volta prima di invadere l’Ucraina, paese democratico. Il Presidente russo aveva pianificato tutto sin dall’inizio sapendo che la Ue avrebbe perso tempo prezioso nella diplomazia”. È quanto ha dichiarato Antonio Sabella, segretario politico di Italia moderata. “Il Presidente Biden con i servizi segreti Usa ci avevano avvertito di un attacco imminente della Federazione Russa ma noi lo abbiamo sottovalutato pensando che nel ventunesimo secolo ciò non potesse succedere. Nella disattenzione dei partiti italiani più di uno ha chiesto, sperando che questo fosse solo un gioco, che Putin ci ripensasse con una telefonata fatta da un suo amico italiano, leader di una forza politica. Aver lasciato troppo spazio a Putin è un errore, l’Onu dovrebbe essere rappresentato solo da paesi democraticamente eletti, non da piccoli o grandi dittatori che non rispettano né accordi né trattati. Italia Moderata auspica la cessazione delle ostilità, i problemi di politica interna del Presidente Putin non possono essere pagati dalla popolazione dall’Ucraina né tantomeno dall’Europa”, ha concluso.

(pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 24-FEB-22 17:07 NNNN

TURCHIA. SABELLA (ITALIA MODERATA): OK DRAGHI, IN UE COMPARSE E NON STATISTI

TURCHIA. SABELLA (ITALIA MODERATA): OK DRAGHI, IN UE COMPARSE E NON STATISTI

DIRE Politica 10 aprile 2021, 15:49

“NESSUNA DELLE FORZE POLITICHE HA DIFESO PREMIER” (DIRE) Roma, 10 apr. – “Italia moderata esprime solidarietà nei confronti del presidente del Consiglio Mario Draghi, che ha detto quello che noi tutti pensiamo di Erdogan. Nessuna delle forze politiche che sono al Governo lo ha difeso, eppure sono le stesse che lo hanno voluto supplicandolo di fare il Premier”. Così in una nota Antonio Sabella, segretario politico di Italia moderata.

“Italia moderata- sottolinea- e’ rimasta sbigottita dal trattamento che Erdogan ha riservato alla Presidente della Commissione Europea. Ursula von der Leyen “chiaramente non e’ Margaret Thatcher” doveva andarsene subito, non aspettare in piedi come una scolaretta che aspetta che il maestro le dia l’ordine di accomodarsi. Il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel doveva fare lo stesso, andarsene, non cedere il posto alla signora come molti commentatori hanno espresso. E rasenta il ridicolo la dichiarazione della UE, secondo cui “non spetta a noi giudicare la Turchia”. Questo denota che al comando in Europa non abbiamo Statisti ma comparse. Europa dove sei? Il sogno dei nostri Padri fondatori di una grande Europa va infrangersi sugli interessi di piccolo cabotaggio dei singoli Stati, dove traspare che siamo alleati e concorrenti, alle mercé del primo dittatore di turno. Siamo per gli Stati Uniti d’Europa con una sola voce che parli e faccia gli interessi di tutti”, conclude Sabella.

(Com/Sor/ Dire)

TURCHIA: ITALIA MODERATA, ‘SOLIDARIETA’ A DRAGHI, HA DETTO DI ERDOGAN QUELLO CHE TUTTI PENSIAMO’

TURCHIA: ITALIA MODERATA, ‘SOLIDARIETA’ A DRAGHI, HA DETTO DI ERDOGAN QUELLO CHE TUTTI PENSIAMO’

Roma, 10 apr. (Adnkronos) – “Italia moderata esprime solidarietà nei confronti del Presidente del Consiglio Mario Draghi, che ha detto quello che noi tutti pensiamo di Erdogan. Nessuna delle forze politiche che sono al Governo lo ha difeso, eppure sono le stesse che lo hanno voluto supplicandolo di fare il Premier. Contraddizioni all’italiana”. E’ quanto ha dichiarato Antonio Sabella, segretario politico di Italia moderata. “Italia moderata -aggiunge- è rimasta sbigottita dal trattamento che Erdogan ha riservato alla Presidente della Commissione Europea. Ursula von der Leyen, chiaramente non è Margaret Thatcher, doveva andarsene subito, non aspettare in piedi come una scolaretta che aspetta che il maestro le dia l’ordine di accomodarsi. Charles Michel Presidente del Consiglio Europeo doveva fare lo stesso, andarsene, non cedere il posto alla signora come molti commentatori hanno espresso”. “Paradossale, rasenta il ridicolo la dichiarazione della UE, ‘non spetta a noi giudicare la Turchia’. in riferimento all’intervento del nostro Presidente del Consiglio su Erdogan Questo denota che al comando in Europa non abbiamo Statisti ma comparse. Europa dove sei? Il sogno dei nostri Padri fondatori di una grande Europa va infrangersi sugli interessi di piccolo cabotaggio dei singoli Stati, dove traspare che siamo alleati e concorrenti, alle mercè del primo dittatore di turno. Siamo per gli Stati Uniti d’Europa con una sola voce che parli e faccia gli interessi di tutti”, conclude Sabella. (Pol-Fan/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 10-APR-21 14:19 NNNN

*UE. ITALIA MODERATA: GERMANIA ACCETTI ONERI E ONORI O ESCA*

*UE. ITALIA MODERATA: GERMANIA ACCETTI ONERI E ONORI O ESCA*

(DIRE) Roma, 8 mag. – “Con grande meraviglia constatiamo che la corte Costituzionale tedesca si inserisce senza averne titolo sulla Bce, scordandosi che sopra di essa c’e’ la Corte di Giustizia Europea. I tedeschi hanno il vezzo nel dna di perdere il pelo ma non il vizio. Ricordiamo alla Germania che gli abbiamo abbonato i danni di guerra e la riunificazione, per lo spirito dello stare insieme, se non l’avessimo fatto sarebbero ancora affannati nel trovare un pezzo di pane. Italia Moderata ha sempre creduto che gli Stati Uniti d’Europa alleati con gli Stati Uniti d’America siano l’unica soluzione in un mondo globalizzato.
Crediamo quindi che una sola voce che parla per tutti e faccia gli interessi degli Stati membri sia l’unica soluzione. La presa di posizione ostativa della Germania ricorda la favoletta di Fedro, quella della rana e lo scorpione. Se dobbiamo stare insieme e’ bene che accettino onori ed oneri ma se la Germania ha la presunzione insieme all’Austria e all’Olanda, di essere ostativi, contrastando palesemente lo spirito dei padri fondatori dell’Unione Europea il cui fine era politico e non economico e di dettare leggi non condivise, per questioni legate ai propri interessi venali, ebbene che vadano via dall’ Ue”. Lo dice Antonio *Sabella*, segretario nazionale di Italia Moderata.
(Com/Anb/ Dire
18:05 08-05-20 .
NNNN
Delivered by @telpress

CORONAVIRUS: ITALIA MODERATA, ‘TRADITO SPIRITO PADRI FONDATORI UE’

CORONAVIRUS: ITALIA MODERATA, ‘TRADITO SPIRITO PADRI FONDATORI UE’

ADN1643 7 POL 0 ADN POL NAZ CORONAVIRUS: ITALIA MODERATA, ‘TRADITO SPIRITO PADRI FONDATORI UE’ =

Roma, 8 apr. (Adnkronos) -“Europa dove sei? Lo spirito dei Padri fondatori è stato tradito, La Germania l’Austria e l’Olanda sono contrari a venire incontro alle esigenze dell’Italia. Il loro comportamento in questa situazione eccezionale somiglia a bottegai. Italia moderata è per gli Stati Uniti d’Europa, ma se alcuni Stati in questa particolare pandemia dell’Italia si comportano come barbari predatori, ebbene che lascino l’Unione Europea, sarebbe opportuno e auspicabile visto che questi Paesi non hanno compreso lo spirito dello stare insieme. Un Europa unita che parli con una sola voce facendo gli interessi di tutti è una potenza a livello mondiale divisa non è nessuno”. E’ quanto ha dichiarato Antonio Sabella, segretario nazionale di Italia Moderata. “Vogliamo ricordare alla Germania che L’Italia ha contribuito alla riunificazione della stessa, non gli ha fatto pagare i danni di guerra, ‘questo ultimo vale anche per l’Austria’. Se voi pensate che l’Europa sia e significa alleati e concorrenti non avete capito nulla. L’Europa deve avere anche la sua Banca e non essere rappresentata ‘Bce’ da improvvisate e inopportune signore che fanno dichiarazione avventate”, conclude. (pol/Adnkronos)
ISSN 2465 – 1222
08-APR-20 16:49
NNNN

UE: ITALIA MODERATA, ‘DA IRRESPONSABILI GIOCARE PER QUALCHE CONSENSO IN PIU” =

UE: ITALIA MODERATA, ‘DA IRRESPONSABILI GIOCARE PER QUALCHE CONSENSO IN PIU” =

UE: ITALIA MODERATA, ‘DA IRRESPONSABILI GIOCARE PER QUALCHE CONSENSO IN PIU” =

Roma, 2 dic. (Adnkronos) – “Se l’attuale classe politica rappresentandoci in Europa si presenterà in ordine sparso nel tutelare i nostri interessi, ‘per il Mes’ porterà inevitabilmente il nostro Paese ad essere vulnerabile. I trattati che ‘a illo tempore’ sono stati firmati da chi rappresentava l’Italia devono essere sicuramente onorati, ‘si consiglia in futuro di leggerli attentamente prima di firmarli’. Suggerimento si possono anche interpretare’. La divisione dell’attuale realtà politica del Paese preoccupa Italia MODERATA perché non porta nessun beneficio all’Italia, ma solo litigi, incertezza e inquietudine”. Lo dichiara Antonio Sabella segretario di Italia MODERATA.

“Giocare per prendere qualche consenso in più è da irresponsabili, all’Italia serve una squadra di tecnici politicamente preparati, non avvezzi alla politica ordinaria, la prima cosa da fare è sviluppare l’asse economico del Paese. ‘Per tale ragione serve l’Europa’. Se siete politici utilizzate questa chiave di suggerimento, se non lo siete ma vi trovate lì per caso consigliamo di cambiare mestiere per evitare che il nostro Paese subisca oltre il danno anche la beffa. È ora di fare! Basta politici improvvisati che fanno pagare la loro inesperienza che imparano a danno di tutti. All’Italia serve altro e subito”, conclude.
(pol/AdnKronos)
ISSN 2465 – 1222
02-DIC-19 15:47
NNNN