PROGRAMMA DI ITALIA MODERATA, ELEZIONI POLITICHE 2022-

PROGRAMMA DI ITALIA MODERATA, ELEZIONI POLITICHE 2022-

    1)   Sicurezza e legalità;

    2)  Maggiorazione delle Forze di Polizia con più ampie autonomie;

    3)  Sviluppo economico con particolare attenzione alle piccole e medie imprese;

    4)  Rivedere accordi sull’immigrazione “il 3° trattato di Dublino”;

    5)  Modificare legge Fornero;

    6)  Difesa dell’istituto familiare;

    7)  Aumento delle pensioni a basso reddito;

    8)  Avvenire per i giovani; con la necessaria riforma scolastica;

    9)  Sviluppo del Mezzogiorno;

  10)  Ridimensionamento della pressione fiscale;

  11)   Stati Uniti d’Europa;

  12)   Rispetto del Trattato Atlantico.

ELEZIONI: ITALIA MODERATA, ‘POLITICA IMPAZZITA PORTA PAESE NELL’OCCHIO DEL CICLONE’ =

ELEZIONI: ITALIA MODERATA, ‘POLITICA IMPAZZITA PORTA PAESE NELL’OCCHIO DEL CICLONE’ =

Roma, 25 lug. (Adnkronos) – “Italia Moderata è preoccupata come lo sono le nostre Istituzioni per l’impazzimento a fasi alterne della dirigenza politica, prima di tutto non comprendiamo le ragioni del perché hanno fatto cadere il Governo Draghi, poi le accuse reciproche, come se la colpa fosse stata della luna piena e non dell’improvvisazione infantile e della stupidità cieca nel non provvedere le conseguenze. La mancanza di stile e il non rispetto nei confronti di avversari e di ex amici di partito è diventata la regola”. È quanto ha dichiarato Antonio Sabella segretario nazionale di Italia Moderata, formazione di centro che ‘sponsorizza’ alleanze favorevoli a che ”l’Italia abbia di nuovo Draghi a capo del governo ”. “Visioni diverse e la mancanza di regole, stanno portando il Paese in sentieri sconosciuti, col rischio dello stravolgimento in maniera plateale delle istituzioni, i comportamenti non sobri ‘tipo prenditi uno Xanax e nano’ sono offensivi, la mancanza di moderazione indirizzano il Paese nell’occhio del ciclone con la perdita di serietà professionale della politica italiana agli occhi del mondo. Il Paese non merita questo tipo di dirigenza, all’Italia serve altro”, ha concluso.

(pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 25-LUG-22 19:49 NNNN

QUIRINALE: ITALIA MODERATA, ‘NON CI SONO ALTERNATIVE A DRAGHI’ =

QUIRINALE: ITALIA MODERATA, ‘NON CI SONO ALTERNATIVE A DRAGHI’ =

Roma, 17 gen. (Adnkronos) – “Non avere una visione di un futuro possibile del Paese, della nostra dirigenza politica, ci porterà dentro la Fossa delle Marianne. Italia Moderata, invita l’attuale classe politica a non essere ciechi, il bene dell’Italia dipende da questo Parlamento. Fate la scelta giusta per evitare che le future generazioni paghino un prezzo elevato per riconoscenze pregresse, di cui il Popolo non avrà nessun beneficio, anzi. Ambizioni e prese di posizioni non sono compatibili in questo particolare momento di difficoltà dell’Italia tra pandemia e mancanza di risorse con l’interesse complessivo del Paese. Non si vedono altre alternative, come Presidente della Repubblica se non quello di Mario Draghi per risolvere le tematiche che assillano l’Italia. Finora non si è visto un piano ‘B possibile’ in subordine momentaneo, da parte di qualcuno, che accontenti tutti. Il senso di responsabilità sia il viatico per la scelta giusta alla più alta carica dello Stato come il Presidente Mattarella che ha evitato spaccature e divisioni per il bene comune, rappresentando tutti. Draghi lo sta già facendo con una maggioranza eterogenea”. E’ quanto ha dichiarato Antonio Sabella Segretario politico di Italia Moderata.

(Pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 17-GEN-22 18:34 NNNN

L.ELETTORALE: SABELLA (ITALIA MODERATA), ‘SERVE PROPORZIONALE PURO’ =

L.ELETTORALE: SABELLA (ITALIA MODERATA), ‘SERVE PROPORZIONALE PURO’ =

ADN0954 7 POL 0 ADN POL NAZ
L.ELETTORALE: SABELLA (ITALIA MODERATA), ‘SERVE PROPORZIONALE PURO’ =
Roma, 18 gen. (Adnkronos) – “In una democrazia vera non virtuale,
tutti devono partecipare alle consultazioni elettorali, si devono
evitare quindi lacci che impediscono di concorrere alla vita
democratica del Paese. La Corte Costituzionale nel bocciare la Legge
elettorale voluta dalla Lega ha espressamente parlato di eccessiva
manipolatività. I partiti devono smetterla di cambiare le regole
elettorali a secondo le opportunità e gli interessi soggettivi per
evitare di perder consensi ‘quando questi hanno maggioranza
parlamentare'”. E’ quanto ha dichiarato Antonio Sabella segretario
Nazionale di Italia moderata.
“Una legge elettorale -aggiunge- deve essere sempre la stessa a
prescindere chi in quel momento governa. Serve una legge elettorale
proporzionale pura per permettere a tutti di partecipare alla
conduzione del Paese, una coalizione per ottenere il premio di
maggioranza dovrebbe ottenere il cinquanta per cento più uno, questo
permetterebbe ai partiti minori di stare dentro una coalizione con
programma ben definito. In alcune regioni il Presidente o il
governatore con la legge Tatarella governa con una minoranza la
maggior parte delle regioni italiane. Questa non è democrazia quando
una minoranza governa e impone regole non condivise”.
(Pol/AdnKronos)
ISSN 2465 – 1222
18-GEN-20 18:47

UE. SABELLA: ‘ITALIA MODERATA’ È PER GLI STATI UNITI D’EUROPA

UE. SABELLA: ‘ITALIA MODERATA’ È PER GLI STATI UNITI D’EUROPA

(DIRE) Roma, 10 apr. – “Paradossalmente i partiti e i movimenti ‘populisti e sovranisti’ che sono contro l’Unione Europea, si candidano al Parlamento europeo, non si comprende la ragione che rasenta platealmente l’ipocrisia, che da una parte si vuole uscire dall’altra ci si candida al Parlamento Europeo, a far che?

I Trattati si possono cambiare andando incontro agli oneri che ogni Paese deve onorare a prescindere di chi lo ha firmato rappresentando l’Italia. In questo caso se qualcuno cavalca questa ipotesi di uscire dall’Europa prima deve avere la maggioranza all’interno del proprio Paese e chiedere successivamente con un referendum al Popolo di mettere in discussione tale Trattato. In questo caso si predica bene e si razzola male, sapendo che i nostri settantatre’ parlamentari al Parlamento Europeo ‘a prescindere le colorazioni’, non hanno brillato nel portare in essere le nostre esigenze, scordandosi spesso di far valere in Europa che l’Italia e’ uno dei sei Paesi fondatori. Italia moderata e’ per gli Stati uniti d’Europa perche’ una sola voce possa parlare per tutti e fare gli interessi di tutti, come un grande matrimonio d’amore, i Padri fondatori ‘Adenauer, De Gasperi, Schuman’ avevano previsto che il fine doveva essere solo politico”. E’ quanto ha dichiarato Antonio Sabella Segretario politico di Italia moderata.

(Pol/ Dire)

19:11 10-04-19 NNNN

EUROPEE: ITALIA MODERATA, ‘IPOCRISIA SOVRANISTI CHE CORRONO PER PARLAMENTO UE’ =

EUROPEE: ITALIA MODERATA, ‘IPOCRISIA SOVRANISTI CHE CORRONO PER PARLAMENTO UE’ =

Sabella, ‘siamo per Stati uniti d’Europa, parlare con una voce sola’

Roma, 10 apr. (AdnKronos) – “Paradossalmente i partiti e i movimenti ‘populisti e sovranisti’ che sono contro l’Unione Europea, si candidano al Parlamento europeo, non si comprende la ragione che rasenta platealmente l’ipocrisia, che da una parte si vuole uscire dall’altra ci si candida al Parlamento Europeo, a far che?”. E’ quanto ha dichiarato Antonio Sabella, segretario politico di Italia moderata.

“I Trattati -ha continuato- si possono cambiare andando incontro agli oneri che ogni Paese deve onorare a prescindere di chi lo ha firmato rappresentando l’Italia. In questo caso se qualcuno cavalca questa ipotesi di uscire dall’Europa prima deve avere la maggioranza all’interno del proprio Paese e chiedere successivamente con un referendum al Popolo di mettere in discussione tale Trattato. In questo caso si predica bene e si razzola male, sapendo che i nostri settantatré parlamentari al Parlamento Europeo ‘a prescindere dalle colorazioni’, non hanno brillato nel portare in essere le nostre esigenze, scordandosi spesso di far valere in Europa che l’Italia è uno dei sei Paesi fondatori. Italia moderata è per gli Stati uniti d’Europa perché una sola voce possa parlare per tutti e fare gli interessi di tutti, come un grande matrimonio d’amore, i Padri fondatori ‘Adenauer, De Gasperi Schuman’ avevano previsto che il fine doveva essere solo politico”, conclude Sabella.
(pol/AdnKronos)
ISSN 2465 – 1222
10-APR-19 16:00
NNNN

Programma elettorale di Italia moderata Europee 2019

Programma elettorale di Italia moderata Europee 2019

  1. Europa politica non economica;
  2. Revisione del terzo Trattato di Dublino;
  3.  Impegno per gli Stati Uniti d’Europa;
  4. Sviluppo economico attraverso la Banca Centrale Europea, Banca d’Italia e Istituzioni bancarie;
  5. Sicurezza e legalità
  6. Difesa dell’Istituto familiare;
  7.  Aumento delle pensioni a basso reddito;
  8.  Futuro ai giovani e sicurezza agli anziani;
  9.  Sviluppo del Mezzogiorno;
  10.  Rivedere il Fiscal Compact.
Programma elettorale 2018 di Italia Moderata, elezioni politiche.

Programma elettorale 2018 di Italia Moderata, elezioni politiche.

    1)   Sicurezza e legalità;

    2)  Maggiorazione delle Forze di Polizia con più ampie autonomie;

    3)  Sviluppo economico con particolare attenzione alle piccole e medie imprese;

    4)  Rivedere accordi sull’immigrazione “il 3° trattato di Dublino”;

    5)  Modificare legge Fornero;

    6)  Difesa dell’istituto familiare;

    7)  Aumento delle pensioni a basso reddito;

    8)  Avvenire per i giovani;

    9)  Sviluppo del Mezzogiorno;

  10)  Ridimensionamento della pressione fiscale.

SICILIA: ITALIA MODERATA, BERLUSCONI HA SVENTATO COLPO DI MANO M5S =

SICILIA: ITALIA MODERATA, BERLUSCONI HA SVENTATO COLPO DI MANO M5S =

Roma, 7 nov. (AdnKronos) – “La presenza tempestiva in Sicilia negli ultimi giorni di campagna elettorale del presidente Silvio Berlusconi ha portato la speranza ai siciliani e la conseguente vittoria del centrodestra ed ha evitato che la Sicilia cadesse in mano ai 5stelle, dilettanti che cavalcano il disagio sociale, consapevoli di non avere soluzioni ai problemi. Il leader del centrodestra Berlusconi ha personalmente rassicurato i siciliani che si sarebbe occupato della regione, gli elettori lo hanno premiato votando la coalizione e facendo vincere una persona perbene ed esperta come Nello Musumeci a presidente della regione Sicilia”. E’ quanto ha dichiarato Antonio Sabella, segretario nazionale di Italia moderata.

“La sua venuta nell’isola -sottolinea- è stata fondamentale, non solo ha dato vigore e forza alla coalizione portandola al successo, ma ha evitato soprattutto che l’isola cadesse in mano a degli incapaci come i 5stelle, che hanno usato la sofferenza del Popolo dovuta ai quattro governi nazionali non eletti e alla disattenzione della sinistra nell’isola ‘in particolare del Pd’ nel non risolvere le difficoltà, ha permesso ai furbetti dei 5stelle che hanno votato l’80% dei provvedimenti di Crocetta, ad ergersi spudoratamente nel dirimere tematiche a loro perfettamente sconosciute, sicuramente avrebbero portato la Sicilia a un disastro totale ‘nella Fossa delle Marianne’ come la Capitale gestita dalla Raggi”.

“Il presidente Berlusconi andando in soccorso nell’isola ha sventato il colpo di mano dei 5stelle, permettendo ad un centrodestra unito di vincere, alla Sicilia e all’Italia di avere ancora un futuro”, ha concluso Sabella.
(pol/AdnKronos)
ISSN 2465 – 1222
07-NOV-17 13:13
NNNN

SICILIA: ITALIA MODERATA, SERVE UNITA’, BERLUSCONI SCELGA MUSUMECI =

SICILIA: ITALIA MODERATA, SERVE UNITA’, BERLUSCONI SCELGA MUSUMECI =

Sabella, centrodestra non puo’ perdere questa opportunita’

 

Roma, 29 ago. (AdnKronos) – “Il tempo è prezioso, bisogna fare presto. La Sicilia, è scontato, come sempre è avvenuto, porterà il cambiamento della politica nazionale: le incomprensioni e le divergenze soggettive sulla strategia non portano una coalizione alla vittoria. È scontato che un centrodestra non unito in Sicilia ha sulla testa lo spettro di una situazione identica alle precedenti elezioni amministrative romane che ha determinato la vittoria dei 5stelle”. Lo dichiara Antonio Sabella, segretario nazionale di Italia moderata.

 

“Le soluzioni improvvisate -avverte- portano sicuramente all’incertezza e al disorientamento dell’elettorato. L’interesse dell’Italia ed i propri si possono ottenere solo portando la coalizione alla vittoria. Sicuramente è meglio avere a che fare con alleati scalpitanti e vincere che perdere confortato da un aleatorio accordo con un nemico ‘per una futura grande coalizione’ che ha già dato prova di essere mendace”.

 

“I siciliani ricordano il presidente Berlusconi come il loro primo grande amore e spegnere questa fiamma e perdere questa opportunità per tattiche di attesa, non è saggio. Un uomo politico che vuole essere ricordato un domani come un grande statista fa scelte mirate e soprattutto tempestive, indicando Musumeci come candidato unitario”, conclude.

 

(Pol/AdnKronos)

ISSN 2465 – 1222

29-AGO-17 12:42

NNNN