ENERGIA: SABELLA, ‘SVANITO SOGNO PADRI FONDATORI, UE IMMOBILE NON HA FUTURO’ =

ENERGIA: SABELLA, ‘SVANITO SOGNO PADRI FONDATORI, UE IMMOBILE NON HA FUTURO’ =

Roma, 30 set. (Adnkronos) – “Il sogno dei Padri fondatori di creare una Europa unita dove una sola voce parlasse e facesse gli interessi di tutti svanisce giorno dopo giorno. La guerra in Ucraina e il ricatto russo sull’energia ha messo a nudo le divisioni e la strategia politica dell’Ue nel risolvere le questioni. Italia Moderata è per gli Stati Uniti d’Europa ma se rimaniamo alleati e concorrenti, per le ingordigie e le presunzioni di alcuni Stati, senza mettere un freno sul prezzo dell’energia, che senso ha trattare sulla la Borsa di Amsterdam il prezzo del gas ‘senza avere una politica comune’ se non quella di fare il gioco di Putin e contestualmente ingrassare alcuni voraci speculatori, impoverendo le nostre famiglie e le nostre imprese. Questo gioco perverso di incomprensioni non è da Statisti ma masochisti che rasentano la pochezza dell’improvvisazione. Questa Europa così com’è immobile nel non risolvere le emergenze attuali non avrà un futuro”. E’ quanto ha dichiarato Antonio SABELLA, segretario di Italia Moderata. “Muovendosi in ordine spasso gli Stati membri hanno attuato a livello soggettivo aiuti per le loro imprese e famiglie, ‘vedi caso Germania ecc.’. In Italia viceversa da alcuni giorni si parla di aumenti spropositati dei prezzi dell’energia a ottobre ‘anche su quelli a tutela’ che vanno sicuramente a danneggiare imprese e famiglie. Ci chiediamo visto che gli speculatori sono soprattutto in casa nostra perché il Governo in questa fase particolare di insofferenza del Paese e di emergenza, non nazionalizza per far decollare l’economia e dare respiro alle famiglie, Eni, Enel e imprese di energia collegate?”, ha concluso.

(pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 30-SET-22 14:58 NNNN

PROGRAMMA DI ITALIA MODERATA, ELEZIONI POLITICHE 2022-

PROGRAMMA DI ITALIA MODERATA, ELEZIONI POLITICHE 2022-

    1)   Sicurezza e legalità;

    2)  Maggiorazione delle Forze di Polizia con più ampie autonomie;

    3)  Sviluppo economico con particolare attenzione alle piccole e medie imprese;

    4)  Rivedere accordi sull’immigrazione “il 3° trattato di Dublino”;

    5)  Modificare legge Fornero;

    6)  Difesa dell’istituto familiare;

    7)  Aumento delle pensioni a basso reddito;

    8)  Avvenire per i giovani; con la necessaria riforma scolastica;

    9)  Sviluppo del Mezzogiorno;

  10)  Ridimensionamento della pressione fiscale;

  11)   Stati Uniti d’Europa;

  12)   Rispetto del Trattato Atlantico.

Energia: Sabella (Italia moderata), ‘Draghi fermi voracità speculatori’

Energia: Sabella (Italia moderata), ‘Draghi fermi voracità speculatori’

Energia: Sabella (Italia moderata), ‘Draghi fermi voracità speculatori’

(Pol/Adnkronos)

Roma, 5 giu. (Adnkronos) “Signor Primo Ministro Mario Draghi, ci permetta di suggerirle un consiglio, che identico a quello che ha attuato con la crisi del petrolio degli anni settanta l’allora Governo con Legge del 19/03/1973 n.32, impose che i prodotti di primaria necessità nei supermercati fossero bollinati, e prezzi imposti alle pompe sui prodotti petroliferi e dell’energia, per evitare che ci fosse una forte speculazione che potesse disagiare Paese e popolazione”. Così Antonio Sabella Segretario Politico di Italia Moderata.

“Italia Moderata condivide in toto la scelta che da Ella ha fatto nel fornire armi e assistenza al popolo ucraino per difendersi e le sanzioni all’aggressore Putin e alla sua corte di oligarchi. Signor Presidente Draghi se Ella non provvede a fermare la voracità degli speculatori imponendo prezzi alla fonte sull’energia e sui beni di prima necessità, i suoi lodevoli sforzi per fermare la guerra in Ucraina risulteranno vani e controproducenti”.

“Considerato che ha una maggioranza scalpitante che già è in campagna elettorale e che una notevole parte dell’attuale coalizione che la sostiene non abbia un minimo senso dello Stato, “ne tenga conto”. Signor Presidente del Consiglio Ella ha tutta l’esperienza e l’autorità per attuare una linea a tutela dell’Italia e della sua popolazione, confidiamo nel suo Alto senso dello Stato”.

UCRAINA: SABELLA (ITALIA MODERATA), ‘FERMARE PUTIN E LA SUA CORTE DI OLIGARCHI’

UCRAINA: SABELLA (ITALIA MODERATA), ‘FERMARE PUTIN E LA SUA CORTE DI OLIGARCHI’

ADN0617 7 POL 0 ADN POL NAZ UCRAINA: SABELLA (ITALIA MODERATA), ‘FERMARE PUTIN E LA SUA CORTE DI OLIGARCHI’ =

Roma, 29 mag. (Adnkronos) – “Seguire i dibattiti in TV per la guerra in Ucraina con questi grandi esperti diplomatici e militari, viene quasi un forte dubbio nel capire se effettivamente lo sono e in che cosa! Il piano di pace che spesso propongono ”per il nostro quieto vivere” è quello di sedersi ad un tavolo suggerendo alla vittima cioè che l’aggredito conceda all’ aggressore ”carnefice”, quello che finora ha rubato…. Immaginate un mariolo armato si intrufola in una casa, prende il possesso di un paio di stanze, il mediatore propone di concederle per evitare a quella famiglia altre conseguenze, ma nonostante ciò il malandrino forte della posizione acquisita pretende ancora di più. Il mondo libero nel ventunesimo secolo non può permettersi queste aberrazioni di crimini contro l’umanità, e depennarli, per concedere a piccoli o grandi dittatori di essere immuni dalle conseguenze”. È quanto ha dichiarato Antonio Sabella Segretario Politico di Italia Moderata. “Putin e la sua corte di oligarchi vanno fermati senza nessuna esitazione, l’Europa -prosegue- si faccia sentire con una sola voce contro questo genocidio in Ucraina. L’UE dimostri al mondo intero che non è una tigre di carta in difesa della democrazia, ma un gendarme forte delle sue tradizioni di libertà insieme agli USA e la Nato a tutela del mondo libero. Alcuni leader europei come Emmanuel Macron e Olaf Scholz che la smettano di contattare Putin per raggiungere il nulla, finora non hanno ottenuto neanche i corridoi umanitari, quindi a che cosa serve dargli tutta questa importanza? Rasentare il ridicolo viene raggiunto in Italia, dal capo della Lega quando si propone di andare ad incontrare il capo della Federazione Russa tentando di scavalcare il Presidente del Consiglio Draghi, senza essere stato richiesto, tutto questo dà adito ad alcune dicerie che possa essere complice con il Capo del Cremlino. Italia Moderata fa un appello al Presidente Biden degli Stati Uniti d’America di intervenire tempestivamente per fermare queste atrocità dando il necessario all’Ucraina non solo per difendersi ”ogni giorno subendo”, ma di contrattaccare”.

 

(Cro/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 29-MAG-22 21:19 NNNN

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘PATRIARCA KIRILL FERMI GUERRA FRATRICIDA, NON SIA COMPLICE PUTIN’ =

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘PATRIARCA KIRILL FERMI GUERRA FRATRICIDA, NON SIA COMPLICE PUTIN’ =

Roma, 4 apr. (Adnkronos) – “Patriarca Kirill ci siamo chiesti se Ella rappresenta veramente Dio in terra oppure un soggetto non ultraterreno che si chiama Putin, si guardi intorno per caso è la Federazione Russa che viene invasa? Sente i missili che piombano sulla città di Mosca? È l’Ucraina che da circa quaranta giorni subisce da parte dei suoi concittadini russi l’invasione con carri armati, bombardamenti con aerei missili ecc. gli eccidi sui civili sono all’ordine del giorno, come quello di cittadini inermi a Bucha. Quindi quale Dio rappresenta Patriarca Kirill, quello nostro cristiano, oppure… Se ha ancora un minimo di dignità e rispetto verso il genere umano e soprattutto ama il nostro Creatore usi la sua autorità e faccia smettere questa guerra fratricida, non si renda complice di Putin che vuole lo scontro con l’occidente e la guerra nucleare. Italia Moderata è convinta che Ella è stato male informata e per questo le si chiede di intervenire tempestivamente, per fermare questa guerra dove non c’è onore per i soldati russi ma vergogna”. È quanto ha dichiarato Antonio Sabella Segretario politico di Italia Moderata

(pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 04-APR-22 14:35 NNNN

UCRAINA. SABELLA (ITALIA MODERATA): PUTIN CRIMINALE, RUSSI LO FERMINO

UCRAINA. SABELLA (ITALIA MODERATA): PUTIN CRIMINALE, RUSSI LO FERMINO

(DIRE) Roma, 22 mar. – “L’occidente non può più permettersi che
piccoli o grandi dittatori, per la loro sete di potere, possano
imporre al mondo libero, con la minaccia di una guerra nucleare,
di prendere tutto ciò che vogliono. Putin si comporta da
criminale, va bloccato, senza se e senza ma. Italia Moderata fa
appello ai cittadini della Federazione Russa di fermarlo prima
che sia troppo tardi”. Così Antonio Sabella, segretario politico
di Italia Moderata. “A questo parvenu l’occidente ha permesso
ciecamente, per il suo quieto vivere, le invasioni in Georgia,
Ossezia, Crimea e le destabilizzazioni in Donbass: un lusso che
adesso l’Unione Europea in Ucraina non può più sconsideratamente
accettare”.
Per Sabella “il presidente della Federazione Russa, da
mendace, si comporta come un dittatore dei tempi passati:
rassicura da una parte i vari leader occidentali e
contestualmente, da infido, porta avanti l’invasione
dell’Ucraina. L’Unione Europea e i nostri alleati hanno cercato
di fermare questo genocidio, con la diplomazia e le sanzioni: il
risultato è sotto gli occhi di tutti, il massacro e le
devastazioni continuano. A questo punto ci si chiede: perché i
vari leader occidentali perdono ancora tempo con Putin e Lavrov
avendo accertato di fatto che parlano con mentitori seriali?
Questi utilizzano miserevoli scuse dei tempi passati dell’Unione
Sovietica per un fantomatico diritto di possesso di alcuni Stati
limitrofi ‘sovrani’. Come ha detto Ratzinger, ‘la menzogna ha
sempre bisogno di essere mescolata con alcune verità per poter
ingannare'”.
(Anb/ Dire)

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘OCCIDENTE FERMI PUTIN PRIMA CHE SIA TARDI’ =

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘OCCIDENTE FERMI PUTIN PRIMA CHE SIA TARDI’ =

Roma, 22 mar. (Adnkronos) – “L’occidente non può più permettersi, che piccoli o grandi dittatori per la loro sete di potere, possano imporre al mondo libero con la minaccia di una guerra nucleare, di prendere tutto ciò che vogliono. Putin si comporta da criminale, va bloccato, senza se e senza ma, Italia moderata fa appello ai cittadini della Federazione Russa di fermarlo prima che sia troppo tardi, questo parvenu, di cui l’occidente ha permesso ciecamente, per il suo quieto vivere, le invasioni in Georgia, Ossezia, Crimea e le destabilizzazioni in Donbass ecc., un lusso di cui adesso l’Unione Europea, ”in Ucraina” non può più sconsideratamente accettare. Il presidente della Federazione Russa da mendace si comporta come un dittatore dei tempi passati rassicura da una parte i vari leader occidentali e contestualmente da infido, porta avanti l’invasione dell’Ucraina”. È quanto ha dichiarato Antonio Sabella Segretario politico di Italia moderata. “L’Unione Europea e i nostri alleati, hanno cercato di porre fine per fermare questo genocidio, con la diplomazia e le sanzioni, il risultato è sotto gli occhi di tutti, il massacro e le devastazioni continuano. A questo punto ci si chiede perché i vari leader occidentali perdono ancora tempo con Putin e Lavrov avendo accertato di fatto che parlano con mentitori seriali? Questi utilizzano miserevoli scuse dei tempi passati dell’Unione Sovietica, per un fantomatico diritto di possesso di alcuni Stati limitrofi ”sovrani”. La menzogna ha sempre bisogno di essere mescolata con alcune verità per poter ingannare ”Ratzinger””, ha concluso

(pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 22-MAR-22 13:28 NNNN

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘UE E NATO INGENUI, LASCIATI A PUTIN TEMPO E SPAZIO MANOVRA’

UCRAINA: ITALIA MODERATA, ‘UE E NATO INGENUI, LASCIATI A PUTIN TEMPO E SPAZIO MANOVRA’

Roma, 24 feb. (Adnkronos) – “L’Unione Europea e la Nato hanno peccato di ingenuità lasciando al presidente Russo tutto il tempo e lo spazio di manovra per invadere l’Ucraina. Nel momento in cui Putin ha riconosciuto le due repubbliche del Donbass, venendo meno all’accordo del febbraio 2015, ci siamo chiesti perché la Nato non ha immediatamente dato lo status all’Ucraina di alleato, Putin ci avrebbe pensato più di una volta prima di invadere l’Ucraina, paese democratico. Il Presidente russo aveva pianificato tutto sin dall’inizio sapendo che la Ue avrebbe perso tempo prezioso nella diplomazia”. È quanto ha dichiarato Antonio Sabella, segretario politico di Italia moderata. “Il Presidente Biden con i servizi segreti Usa ci avevano avvertito di un attacco imminente della Federazione Russa ma noi lo abbiamo sottovalutato pensando che nel ventunesimo secolo ciò non potesse succedere. Nella disattenzione dei partiti italiani più di uno ha chiesto, sperando che questo fosse solo un gioco, che Putin ci ripensasse con una telefonata fatta da un suo amico italiano, leader di una forza politica. Aver lasciato troppo spazio a Putin è un errore, l’Onu dovrebbe essere rappresentato solo da paesi democraticamente eletti, non da piccoli o grandi dittatori che non rispettano né accordi né trattati. Italia Moderata auspica la cessazione delle ostilità, i problemi di politica interna del Presidente Putin non possono essere pagati dalla popolazione dall’Ucraina né tantomeno dall’Europa”, ha concluso.

(pol/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 24-FEB-22 17:07 NNNN

QUIRINALE. ITALIA MODERATA: DRAGHI E’ IL PIU’ INDICATO

QUIRINALE. ITALIA MODERATA: DRAGHI E’ IL PIU’ INDICATO

(DIRE) Roma, 27 gen. – “Il gioco del domino per la presidenza della Repubblica comincia a diventare con i venti di guerra che si affacciano nell’est dell’Europa estremamente pericoloso, con il paradosso di rischiare di non avere Draghi né a Palazzo Chigi né al Quirinale. Una guida filo Atlantica ed Europea come Draghi alla presidenza della Repubblica rassicurerebbe in nostri alleati e il Paese per sette anni”. Lo premette Antonio Sabella, segretario politico di Italia Moderata, che osserva: “Alcuni parlamentari purtroppo, ingenuamente, in questi ultimi anni si sono distinti per la vicinanza al regime cinese, venezuelano e alla Federazione Russa, creando nei nostri partner dubbi e perplessità per lealtà e per la tenuta dell’Alleanza Atlantica. Mario Draghi è il più indicato a rappresentare l’Italia alla presidenza della Repubblica, perché è europeista, atlantista, ha tanto di quel prestigio a livello internazionale da surclassare qualsiasi nome che abbiamo finora sentito. Giocare con il futuro dell’Italia, come se fosse un giocattolo da contendersi, non è serio. L’Italia merita molto di più dei nomi che sono stati messi in campo per il Quirinale per riconoscenze pregresse. Italia Moderata spera che il senso di responsabilità, sia la illuminata scelta condivisa dei grandi elettori della Repubblica, per Mario Draghi. Pensare in questo momento alla futura campagna elettorale mentre il Paese è in queste condizioni tra pandemia e crisi economica, senza concepire qual è l’interesse primario nazionale è egoisticamente non da leader, ma da irresponsabili immaturi”.

 

(Com/Anb/ Dire)

 

18:13 27-01-22 NNNN

TURCHIA. SABELLA (ITALIA MODERATA): OK DRAGHI, IN UE COMPARSE E NON STATISTI

TURCHIA. SABELLA (ITALIA MODERATA): OK DRAGHI, IN UE COMPARSE E NON STATISTI

DIRE Politica 10 aprile 2021, 15:49

“NESSUNA DELLE FORZE POLITICHE HA DIFESO PREMIER” (DIRE) Roma, 10 apr. – “Italia moderata esprime solidarietà nei confronti del presidente del Consiglio Mario Draghi, che ha detto quello che noi tutti pensiamo di Erdogan. Nessuna delle forze politiche che sono al Governo lo ha difeso, eppure sono le stesse che lo hanno voluto supplicandolo di fare il Premier”. Così in una nota Antonio Sabella, segretario politico di Italia moderata.

“Italia moderata- sottolinea- e’ rimasta sbigottita dal trattamento che Erdogan ha riservato alla Presidente della Commissione Europea. Ursula von der Leyen “chiaramente non e’ Margaret Thatcher” doveva andarsene subito, non aspettare in piedi come una scolaretta che aspetta che il maestro le dia l’ordine di accomodarsi. Il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel doveva fare lo stesso, andarsene, non cedere il posto alla signora come molti commentatori hanno espresso. E rasenta il ridicolo la dichiarazione della UE, secondo cui “non spetta a noi giudicare la Turchia”. Questo denota che al comando in Europa non abbiamo Statisti ma comparse. Europa dove sei? Il sogno dei nostri Padri fondatori di una grande Europa va infrangersi sugli interessi di piccolo cabotaggio dei singoli Stati, dove traspare che siamo alleati e concorrenti, alle mercé del primo dittatore di turno. Siamo per gli Stati Uniti d’Europa con una sola voce che parli e faccia gli interessi di tutti”, conclude Sabella.

(Com/Sor/ Dire)